SCMT

Sistema di Controllo della Marcia dei Treni

Il Sistema di Controllo della Marcia dei Treni (SCMT) è il più diffuso sistema ATP utilizzato sulla maggior parte della Rete Ferroviaria Italiana. I componenti del Sistema, quasi tutti di produzione ECM, sono pienamente rispondenti allo standard Europeo ETCS Livello 1.

Il Sistema di Controllo della Marcia dei Treni (SCMT) è il più diffuso sistema ATP utilizzato sulla maggior parte della Rete Ferroviaria Italiana.

I componenti del Sistema, quasi tutti di produzione ECM, sono pienamente rispondenti allo standard Europeo ETCS Livello 1. In aggiunta SCMT prevede le interfacce ed i blocchi logici del tradizionale sistema BACC da moltissimi anni storicamente presente sulle dorsali fondamentali di RFI.

Il Sistema di Controllo della Marcia dei Treni (SCMT) è il più diffuso sistema ATP utilizzato sulla maggior parte della Rete Ferroviaria Italiana.

SCMT interviene automaticamente nel caso in cui non vengano rispettati i limiti di controllo imposti, relativi:

  • alle condizioni determinate dai segnali luminosi
  • alla velocità massima consentita dalla linea
  • alla velocità massima nei confronti dei rallentamenti
  • alla velocità massima ammessa dal materiale rotabile

Il sistema SCMT è costituito da un Sotto Sistema di Terra (SST) che, opportunamente interfacciato agli IS FS, elabora tramite encoder le informazioni trasmettendone il contenuto grazie a trasponder passivi installati sulle traversine della linea ferroviaria chiamati “boe”, al Sotto Sistema di Bordo (SSB) che riceve ed elabora tali informazioni applicando le opportune protezioni.

Le informazioni trasmesse dal Sotto Sistema di Terra vengono elaborate continuamente dal computer del Sotto Sistema di Bordo che comanda l’intervento automatico della frenatura di emergenza quando il Personale di Condotta non rispetta i limiti minimi calcolati. Sia il computer di bordo che l’encoder a terra operano in modo sicuro attraverso architetture 2oo2 fornendo all’applicazione un livello di sicurezza SIL4 con- formemente alla normativa CENELEC EN50129.

Il SCMT prevede anche, in particolari casi applicativi, l’utilizzo di boe a contenuto informativo fisso che non richiedono pertanto l’interfacciamento con gli encoder del SST.

Il Sotto Sistema di Terra è integrabile con il sistema INFILL, apparato studiato appositamente per aumentare l’efficienza del traffico ferroviario.

INFILL è capace di trasferire al SSB, attraverso un apposito codice di binario, una informazione liberatoria presente in ACEI in modo anticipato rispetto al punto informativo SCMT. L’applicazione INFILL, come SCMT opera conformemente ad un livello di sicurezza SIL4 secondo la normativa CENELEC EN50129.